Grecia: Dove preferiamo essere? [Testo di Nicolas Nessounos]

Ci5fLyXUoAAcmQV

Recentemente, il progetto di controinformazione «Ζagovor na ednakvite» ha affermato, e giustamente a mio parere, la questione su come le diverse tensioni anarchiche, molte delle quali sono in contrasto tra loro, possono coesistere negli stessi progetti di controinformazione.

Si potrebbe sostenere qui che ogni tentativo contro la dominazione e la repressione può consentire, in determinate condizioni, periodiche coesistenze, probabilmente in azione, di diverse correnti / tensioni. Ma sembra che la diversa metodologia di azione continua ad essere un divario incolmabile che purtroppo ( o per fortuna) separa tensioni specifiche dal progetto anarchico (non credo che questi sono sempre stati una parte di esso) e li separa, mettendoli in pantheon ideologico libertario, alterati da eventuali strumenti insurrezionali.

La marginalizzazione dello sciopero della fame di Spyros Mandylas, la mancanza di libri nichilisti e insurrezionali e volantini delle esibizioni anarchiche in Grecia e all’estero, la promozione della collettivizzazione, le ripetute critiche di atti violenti di resistenza, non solo ampliano questo divario. In linea con le idee espresse fortemente nell’ultimo periodo da vari movimenti antiautoritari e libertari, intrecciano uno specifico processo di realizzazione del progetto anarchico attraverso uno sforzo di revisione di idee, strumenti e obiettivi.

Così si cerca di formare un soggetto anarchico (?) rivoluzionario, negando la sua esistenza insurrezionale (e anche individuale), che è in grado di accettare come una necessità il compromesso e l’illusione relativi ad alleanze con forze di sinistra.

Il progetto di riorganizzazione e la creazione di una piattaforma più ampia (AK) è utilizzata per affrontare una impossibile quantificazione di forze e si fonda sulla sfumatura anarco-comunista del ’36. Quest’ultima, a sua volta, gode di notevole peso come modello di gestione pragmatica del potere, cosa che questi movimenti sembrano avere come loro obiettivo finale.

Non stupisce quindi che chiedono e richiedono una revisione delle elezioni come strumento e il voto come arma tattica (Cfr. Eutopia). È chiaro qui lo sforzo di revisione dell’astinenza e una chiamata – a compagni o non- a partecipare a questo strumento spregevole della democrazia borghese (e non solo). A quanto pare essi percepiscono l’Anarchia come auto-organizzazione con la democrazia diretta e l’economia cooperativa (es G. Lieros) o come stile di vita (cioè C. Taibo) o come solidarietà o uguaglianza . Certamente non come libertà (cfr. K. Galanopoulos). Quindi, l’affermazione che “il movimento libertario è un baluardo contro il nichilismo e il collasso individuale” (G. Lieros) è logica e vera.

Anarco-nichilismo, come anche l’insurrezionalismo partono dall’impulso vitale per la distruzione di ogni livello di autorità subito. Il loro obiettivo finale non è il potere, né sedurre con qualche certezza sul futuro. Questo è il motivo per cui Nietzsche era spaventato dalla loro volontà di distruzione . Egli ha capito le dinamiche di tutti questi “decadenti” che vogliono distruggere la “sana, potente e robusta società”. Anche se fraintende il loro principio ontologico, pensando che aspirano al potere. Ma la loro volontà non era ottenere il potere, il che significa qualcosa di diverso da quello che erano, ma un’illusione di ottenere solo la distruzione. Le varie tensioni anarchiche (l’anarchismo sociale, l’anarco-sindacalismo , l’anarco-comunismo) hanno paura allo stesso modo di questo “gioco” di distruzione, che agisce piacevolmente subito, e isolano l’anarco-nichilismo e l’insurrezionalismo (senza questi ultimi cercano alcune collaborazioni o collusioni) quanto più possibile.

Ma l’altezza dell’impulso può resistere a qualsiasi tentativo di deposizione. È questo che ti sveglia, ti cambia, ti spinge sulla strada, arma le tue braccia, preme il grilletto, senza regole, senza condizioni, senza domani.

Tuttavia, e con l’occasione degli ultimi episodi a Patrasso, i cui dettagli non conosco, penso che il confronto violento tra tensioni anarchiche disorienta compagni di entrambe le parti e li intrappola in uno scontro che favorisce un’unica autorità. Fratelli, anche se essi sono lontani, anche se hanno le differenti rughe rimangono fratelli.

“Preferiamo esistere nella notte, dove tutto decade, e ora non guardiamo indietro, dove le luci si spengono per sempre. Siamo soli con le nostre idee e i nostri progetti, in balia della propria asimmetria congiunta. Ma dobbiamo andare avanti, non possiamo fermarci e quando siamo al minimo, sono i nostri stessi passi che ci trascinano. ” A.Caraco

Nicolas Nessounos

15/6/2015

Traduzione: RadioAzione

fonte

https://radioazione.org/2015/06/grecia-dove-preferiamo-essere-testo-di-nicolas-nessounos/

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *