Virginia Bolten

Virgina_Bolten

 Virginia Bolten, una luchadora por los derechos laborales femeninos a fines del siglo XIX, se atrevió a arengar a los obreros el 1 de mayo de 1890 en Rosario, cuando se celebró por primera vez el Día del Trabajador, y también fundar un periódico, cuyo slogan fue: “Ni Dios, ni patrón, ni marido”, en tiempos en que las mujeres no tenían ni voz ni voto.
La dimensión que alcanzó su tarea reivindicadora fue llevada al cine con un guión basado en la investigación de dos rosarinas, Nora Alicia Usenky y Mariana Fontana.
La palabra, la personalidad y la lucha de esta mujer que fundó el primer periódico de América Latina que reflejó las ideas anarquistas y feministas son retratadas en “Ni Dios, ni patrón”, que se exhibió en el festival de cine Pantalla Pinamar.
“Virginia era hija de un alemán que se había instalado en San Luis. Después sus padres se separaron y vino a Rosario. Trabajó en la Refinería Argentina de Azúcar, en ese momento la empresa más grande del rubro en Sudamérica, donde observaba las pésimas condiciones laborales de las mujeres”, contó a Télam Usenky.
Read the rest of this entry »

NAFTALINA

naf1

Naftalina non è una rivista d’arte, bensì, parte di una idea in continuo movimento.

Numero primo
L’assiette au beurre (1901-1912)

La più feroce e irriverente rivista della Belle Epoque.
L’assiette au Buerre, letteralmente “piatto di burro”, compare in Francia nell’aprile 1901.
Senza alcun dubbio occupa un posto di primissimo piano fra le riviste dell’epoca.
Innovativa da un punto di vista grafico, spregiudicata per il suo contenuto.
Attraverso bellissimi disegni e una satira devastante, ha ridicolizzato e attaccato l’ipocrisia del periodo.
Con questo primo numero di Naftalina, abbiamo cercato di riproporre un progetto editoriale ed artistico a nostro avviso molto interessante. Non volevamo riesumare cadaveri, ma rispolverare qualcosa che altrimenti sarebbe andato perduto, utilizzato la documentazione in nostro possesso.

Scarica l’archivio delle immagini

NAFTALINA. (numero primo, ottobre 2008)

naf1

Naftalina non è una rivista d’arte, bensì, parte di una idea in continuo movimento.

Numero primo
L’assiette au beurre (1901-1912)

La più feroce e irriverente rivista della Belle Epoque.
L’assiette au Buerre, letteralmente “piatto di burro”, compare in Francia nell’aprile 1901.
Senza alcun dubbio occupa un posto di primissimo piano fra le riviste dell’epoca.
Innovativa da un punto di vista grafico, spregiudicata per il suo contenuto.
Attraverso bellissimi disegni e una satira devastante, ha ridicolizzato e attaccato l’ipocrisia del periodo.
Con questo primo numero di Naftalina, abbiamo cercato di riproporre un progetto editoriale ed artistico a nostro avviso molto interessante. Non volevamo riesumare cadaveri, ma rispolverare qualcosa che altrimenti sarebbe andato perduto, utilizzato la documentazione in nostro possesso.

Scarica l’archivio delle immagini

ALCUNI ARTICOLI DALLA SUA CRONACA SOVVERSIVA

images

LUIGI GALLEANI

BARRE VERMONT, STATI UNITI D’AMERICA(1904-1906)

 

FACCIAMOCI FRATI!

” … oggi nialgrado tutto, malgrado le leggi eccezionali adottate dai governi europei ed americani, malgrado la polizia internazionale che segue i nostri movimenti dovunque, noi godiamo di un massimo di libertà superiore a quello che godevano dieci o quindici anni fa … “.

“La propaganda anarchica non può essere più oggi quella terrorista d’una volta … “.
Read the rest of this entry »

Stirner and Nietzsche

machorka43333333333333

Albert Lévy

In the second half of the nineteenth century there was a reaction against individualism. The most widespread moral theories, for example those of August Comte in France, John Stuart Mill in England, and Schopenhauer in Germany, had the common characteristic of preaching altruism. Was it that the philosophers wanted to maintain Christian morality at a moment when they renounced belief, or did they think themselves obliged, as Nietzsche maintained, to show themselves to be more disinterested than the Christians themselves? Whatever the case, they condemned egoism and the isolation of the individual. In the same way, in politics the national and social ties that united individuals were insisted upon and solidarity was preached.

Read the rest of this entry »

Cronología de la huella anarquista en la revolución mexicana (1892-1932)

Regeneracion-imagenportada

x Guadalupe Rivera

1892 Ricardo Flores Magón es arrestado por dirigir una manifestación estudiantil antigubernamental.
Tenía diecinueve años y estuvo un mes en prisión.
Read the rest of this entry »

GLI ANARCHICI FANNO IL GIUOCO DELLA BORGHESIA

1904_-_Séparation_Eglise_Etat

Era il 1904 con l’infamia e la calunnia  i marxisti denigravano gli anarchici, da li a poco quelle stesse pratiche furono adottate anche dagli anarchici comunisti … Ma questa è un altra storia……..
Read the rest of this entry »

NAFTALINA – Der Bleu Reiter

naf1

Naftalina non è una rivista d’arte, bensì, parte di una idea in continuo movimento.

Numero primo
L’assiette au beurre (1901-1912)

La più feroce e irriverente rivista della Belle Epoque.
L’assiette au Buerre, letteralmente “piatto di burro”, compare in Francia nell’aprile 1901.
Senza alcun dubbio occupa un posto di primissimo piano fra le riviste dell’epoca.
Innovativa da un punto di vista grafico, spregiudicata per il suo contenuto.
Attraverso bellissimi disegni e una satira devastante, ha ridicolizzato e attaccato l’ipocrisia del periodo.
Con questo primo numero di Naftalina, abbiamo cercato di riproporre un progetto editoriale ed artistico a nostro avviso molto interessante. Non volevamo riesumare cadaveri, ma rispolverare qualcosa che altrimenti sarebbe andato perduto, utilizzato la documentazione in nostro possesso.

Scarica l’archivio delle immagini

SOCIALISTI ED ANARCHICI?

osebergskipet_1904

Il prof. Teofilo Petriella di Newark, imbizzito per lo stellone di cronaca locale in cui abbiamo cercato di rendere fedelmente l’impressione lasciata nel pubblico dalla conferenza che egli tenne qui la sera dell’8 novembre u.s. al Carpenter Hall, si scaglia dall’Avanti, che egli dirige laggiù, due colonne di contumelie bestiali: ..
Read the rest of this entry »

Contro il Primo Maggio

1904_-_Séparation_Eglise_Etat

 

Domenico Zavattero

Scrivete pure, compagni giornalisti, pronunciate pure, compagni oratori, articoli apologetici e conferenze smaglianti sul primo Maggio.
Astenetevi pure, compagni operai; astenetevi pure dal lavoro; io parlo, io scrivo contro il primo Maggio.
E vorrei essere lavoratore del braccio, per non abbandonare l’officina in codesto giorno.
Questa mia dichiarazione vi suonerà orribile. Voi, abituati a considerare questa data da un punto di vista tutt’affatto sentimentale — e falso — sarete tentati a considerarmi un nemico della classe operaia.
Come se per esserle amico si dovesse consacrare con la nostra annuenza una festa di sbornie!
Read the rest of this entry »