Rencontre-débat à La Gryffe le 9 mai avec Jann-Marc Rouillan

2016-05-09_-_jm_rouillan-0c164-2c479

À l’occasion de la sortie à Lyon du film Faut savoir se contenter de beaucoup de Jean-Henri Meunier, où il joue son propre rôle en compagnie de Noël Godin, rencontre/débat à La Gryffe avec Jann-Marc Rouillan.
Lundi 9 mai à 18 heures

Ancien membre du MIL, des GARI, puis d’Action Directe, Jann-Marc Rouillan incarcéré pendant 24 ans va évoquer l’expérience militante retracée dans De mémoire(3)La courte saison des GARI : Toulouse 1974, Ed. Agone, 2011, mais aussi son parcours d’écrivain commencé en 2001 avec Je hais les matins , Denoël. Il a publié dernièrement Le Tricard. Chronique du dehors d’un interdit de séjour , Ed. Al Dante, 2013, Le Rat empoisonné, Ed. Al Dante, 2014.

 

[POA] “ACTION DIRECTE” Quinta 28 de abril- Apresentação do livro “odeio às manhas” (traduzido ao português) de Jean-Marc Rouillan e projeção do video “Nem velhos, nem traidores”.

ARTE-724x1024

Biblioteca Kaos convoca:

“ACTION DIRECTE” Quinta 28 de abril- Apresentação do livro “odeio às manhas” (traduzido ao português) de Jean-Marc Rouillan e projeção do video “Nem velhos, nem traidores”.
Musica ao vivo, rango vegan e rifa em solidariedade com xs presxs em luta…

mais infos no blog: https://bibliotecakaos.noblogs.org/post/2016/04/15/action-directe-quinta-28-de-abril-apresentacao-do-livro-odeio-as-manhas-de-jean-marc-rouillan/

[Audiovisual] ‘Ni viejos, ni traidores’. Documental sobre ‘Action Directe’

ni-viejos-ni-traidores

Vicino agli esclusi, tra gli esclusi … di Jean Marc Rouillan

531523-649325

tralci di un libro che parla di carcere, che descrive il carcere minuto dopo minuto. Il libro di un prigioniero politico francese che ancora lotta per la sua libertà. Un libro per non dimenticarci mai
Read the rest of this entry »

Vicino agli esclusi, tra gli esclusi … di Jean Marc Rouillan

tralci di un libro che parla di carcere, che descrive il carcere minuto dopo minuto. Il libro di un prigioniero politico francese che ancora lotta per la sua libertà. Un libro per non dimenticarci mai

Al risveglio, la prigione salta alla gola.
Le prime sensazioni mi avvertono della sua presenza nascosta. Un angolo di muro illuminato dal chiarore dell’alba, l’odore del disinfettante, le diverse abluzioni dei congeneri, la carezza della coperta carceraria e lo scoramento indicibile. Mi penetra di colpo.
Read the rest of this entry »

Vicino agli esclusi, tra gli esclusi … di Jean Marc Rouillan

531523-649325

tralci di un libro che parla di carcere, che descrive il carcere minuto dopo minuto. Il libro di un prigioniero politico francese che ancora lotta per la sua libertà. Un libro per non dimenticarci mai

Al risveglio, la prigione salta alla gola.
Le prime sensazioni mi avvertono della sua presenza nascosta. Un angolo di muro illuminato dal chiarore dell’alba, l’odore del disinfettante, le diverse abluzioni dei congeneri, la carezza della coperta carceraria e lo scoramento indicibile. Mi penetra di colpo.
Read the rest of this entry »

Con un’arma in tasca. Una conversazione con Jean-Marc Rouillan.

MIL-Collage.1

 

 

“Quando hai un’arma in tasca, la tua coscienza del conflitto e del livello dello scontro è diversa”.
Read the rest of this entry »

Incontro anticarcerario con J.M. Rouillan e concerti HC alla Ripa dei Malfattori

7-giugnoripa

SABATO 7 GIUGNO h.18
INCONTRO ANTICARCERARIO CON JANN-MARC ROUILLAN @RIPADEIMALFATTORI
co-fondatore di Action Directe in Francia, ha passato 25 anni prigioniero delle carceri francesi.
Nè dissociato nè pentito, ha scritto diversi libri tra cui “Odio la Mattina” pubblicato in Italia da Nautilus/El Paso.

A seguire (A)pericena contro le sbarre e concerti Hc con Petroleum, Negot e Logica di morte
«Ti senti invischiato in una palude nebbiosa, senza contorni, senza punti di riferimento, mentre i giorni passano.
Molti non resistono all¹isolamento, spesso si tolgono la vita o escono di senno, come il mio compagno Cipriani.
Si pensa molto. Si pensa tutto il giorno. Il cervello è sempre in moto. È un viaggio all’interno di sé stessi.
I muri della cella diventano una seconda pelle. E il pensiero diventa circolare. Rarissimi gli stimoli durante il giorno.
Così il passato, il presente e le fantasie si confondono, in una riflessione senza fine che si avvita su sé stessa,
spesso con sofferenza. Perciò si parla di tortura.
La gente non capisce come si possa equiparare alla tortura il fatto di dover restare immobili su uno sgabello.
Ma è un’autentica tortura. È una tortura perché sei solo».
J.M.Rouillan

Vicino agli esclusi, tra gli esclusi … di Jean Marc Rouillan

531523-649325

alci di un libro che parla di carcere, che descrive il carcere minuto dopo minuto. Il libro di un prigioniero politico francese che ancora lotta per la sua libertà. Un libro per non dimenticarci mai 

Al risveglio, la prigione salta alla gola.
Le prime sensazioni mi avvertono della sua presenza nascosta. Un angolo di muro illuminato dal chiarore dell’alba, l’odore del disinfettante, le diverse abluzioni dei congeneri, la carezza della coperta carceraria e lo scoramento indicibile. Mi penetra di colpo.
Read the rest of this entry »

Jean-Marc Rouillan nous parle de la prison – Vendredi 4 avril à L’Autodidacte [Besançon]

Rouillan

Groupe Proudhon de la FA – Besançon