Koridallos prison court: Trial statement by Giorgos Petrakakos – Greece (en/it)

1013520_768711713209468_1162226815889317642_n

On September 24th 2015, Giorgos Petrakakos – wanted for bank robberies – was arrested in the city of Volos together with his life companion Maria Theofilou (who is also the sister of imprisoned anarchist Tasos Theofilou). Both are currently held in Koridallos prisons, Athens.

On October 16th 2015, the second trial against Revolutionary Struggle began with regard to the attack with a car bomb containing 75kg of explosives against the Bank of Greece’s Supervision Directorate in central Athens on April 10th 2014; the shootout in Monastiraki on July 16th 2014, when comrade Nikos Maziotis was injured and recaptured by police; and expropriations of bank branches. The co-accused in this trial, all facing terrorism charges, are two Revolutionary Struggle members: Nikos Maziotis (imprisoned in Koridallos) and fugitive Pola Roupa; Antonis Stamboulos (remanded since October 1st 2014), who denies all charges; and Giorgos Petrakakos.
During court proceedings, Revolutionary Struggle member Nikos Maziotis assumed responsibility for two bank expropriations that took place while still underground (one at the National Bank branch in Methana, and another at Piraeus Bank branch in Kleitoria, Achaea), as well as his participation in the bombing attack against the Bank of Greece (10/4/2014), and shooting of cops in Monastriraki (16/7/2014).
The second trial against Revolutionary Struggle is already close to its end, because the presiding judge has imposed fast-track proceedings – to prevent comrade Antonis Stamboulos from being released from prison before conclusion of the trial (as the pretrial detention upper limit in Greece is 18 months).
Below is the trial statement by Giorgos Petrakakos, whom the media/police have imaginatively portrayed as an “accomplice of Nikos Maziotis.”
I find myself accused because I have participated in some bank robberies.
No matter how many years of imprisonment you’ll impose upon me, I don’t understand and won’t be able to figure out why this is considered as an accusation rather than a title of honour, since banks are responsible for wiping out an entire population.
I am accused by this court for three robberies as an alleged member of Revolutionary Struggle. I am also accused, in other accusatory dossiers, for the robbery in Distomo and for aggravated possession of weapons as a member of an unknown terrorist organisation… An unknown terrorist organisation I was allegedly about to set up, or what the authorities would fantasise about… When I was caught, the anti-terrorist police accused me of and tried with various tricks to attribute my involvement in four armed organisations as well as Revolutionary Struggle. Apart from these four organisations, they’ve also allowed me an extra gift: Revolutionary Struggle.
I would not be surprised if in the coming months I’ll be accused not only for the robberies in which I did participate, but for any unsolved robbery that has occurred in Greece over the last hundred years.
I do not care at all about the sentence, and I know that the police are asking your court to convict me severely. For me, there’s no difference whether I’ll be sentenced for one robbery or three. So I’d like to explain a couple of things, not because I want to achieve a lesser sentence, but to officially testify to the truth.
I started robbing banks in 2002, but not because I liked an easy life. Besides, this kind of life is far from easy. I instinctively positioned myself against this inhumane machine that feeds itself on humans. I find this system unjust, a system that supports banks and is supported by them. I consider it violent and thieving. Robbers and terrorists are the banks. Criminals are those who support them. My decision to rob banks was my own lonely way of fighting them.
I have never organised myself in a political manner, and my contact with the anarchist milieu was and is personal and friendly relations I developed with some anarchist fighters whom I met in prison, especially from 2003 to 2006. I respect and appreciate their struggle, their selflessness and ethos. I think that they have justness on their side; however, I’ve never had any connection with any legal or illegal, unarmed or armed group or organisation. I believe also that my prosecution for participation in Revolutionary Struggle is done for communication purposes, to serve the theory for the anti-terrorist police of an allegedly operational link between “penal-code offenders and terrorists”. I was ideal for this experiment of theirs as, on the one hand, I am a bank robber – a delinquent activity, which nevertheless has social acceptance – as opposed to being, let’s say, a drug trafficker; on the other hand, it’s known that I have personal relations with some anarchists. But personal relationships and likings are entirely a different thing compared to participation in a revolutionary organisation.
To serve their own propaganda purposes, the anti-terrorist police wish to charge me with involvement in more than two revolutionary organisations, if possible.
It’s no coincidence that my name and photograph began to feature breaking news and front pages immediately after the arrest of Nikos Maziotis, portraying me as his right-hand man and other such grotesque stories, when nothing in fact connects me to him, and there’s not even a shred of evidence which can confirm such a scenario.
It doesn’t suit my nature to make declarations of law-abidingness. I proudly declare that I am a bank robber. If I was involved in Revolutionary Struggle I would declare it so and defend my choice. But I’ve consciously chosen another path in my life.
My life itself is revolutionary as I’ve chosen it to be, as I’ve created it myself, through my choices in staying out of the automated lifestyle.
Furthermore, I have not participated in all the robberies I’m charged with. Even if I wanted to, it would be practically impossible to have done as many robberies as – according to accusatory documents – they try to charge me with, given the fact the ones I was involved in required several months of planning, in order to achieve the best possible result in the smoothest way, putting always the safety of citizens first, even at the expense of my own safety. In each of the robberies in which I’ve taken part not a single nostril bled, nor did I ever need to fire a single shot in the air to intimidate anyone. Those robberies were always planned in detail, and we always took all necessary measures to avoid putting anyone in danger.
The accusatory dossier before your eyes is a rough mishmash of police media releases and nothing more. Of the facts I am accused in this trial, I admit my participation in the Eurobank branch robbery in Akrata [Achaea], even though the evidence you hold is in fact inadequate if not non-existent.
I will not give further information and won’t answer your questions.

actforfreedom

 

Grecia, carcere di Koridallos: aggiornamento su processo Lotta Rivoluzionaria e dichiarazione processuale di Giorgos Petrakakos

Il 24 settembre 2015, Giorgos Petrakakos – ricercato per rapine in banca – è stato arrestato nella città di Volos insieme alla sua compagna di vita Maria Theofilou (che è anche la sorella dell’ anarchico imprigionato Tasos Theofilou). Entrambi sono attualmente detenuti nel carcere  di Koridallos, Atene.
Il 16 ottobre 2015, il secondo processo contro Lotta Rivoluzionaria ha avuto inizio per quanto riguarda l’attacco con un autobomba contenente 75 kg di esplosivo contro gli uffici direzionali della Banca di Grecia nel centro di Atene il 10 aprile 2014; la sparatoria a Monastiraki il 16 luglio 2014, quando il compagno Nikos Maziotis è stato ferito e ricatturato dalla polizia; espropriazioni a sportelli bancari.
I co-imputati in questo processo, tutti con accuse di terrorismo, sono i due membri Lotta Rivoluzionaria: Nikos Maziotis (imprigionato a Koridallos) e la fuggitiva Pola Roupa; Antonis Stamboulos (rinviato a giudizio dal 1 ° ottobre 2014), che nega ogni accusa; e Giorgos Petrakakos.
Durante il procedimento giudiziario, il membro di Lotta Rivoluzionaria Nikos Maziotis ha assunto la responsabilità per due espropri a banche durante la latitanza (uno presso la filiale della Banca Nazionale di Methana, e un altro presso la filiale Banca del Pireo in Kleitoria, Acaia), così come la sua partecipazione alla attacco dinamitardo contro la Banca di Grecia (2014/10/04), e nel conflitto a fuoco contro i poliziotti a Monastriraki (16/7/2014).
Il secondo processo contro Lotta Rivoluzionaria è vicino alla fine, perché il presidente ha imposto procedure accelerate – per evitare che il compagno Antonis Stamboulos fosse rilasciato prima della conclusione del processo (il limite della detenzione preventiva in Grecia è di 18 mesi).
Qui di seguito la dichiarazione processuale di Giorgos Petrakakos:
………………………………………………………………………………………………

Mi ritrovo accusato perché ho partecipato ad alcune rapine in banca.

Non importa quanti anni di reclusione voi mi imponiate, io non capisco e non sarò mai in grado di capire perché questo è considerato come un’accusa piuttosto che un titolo d’onore, dal momento che le banche sono responsabili dell’annientamento della popolazione.

Io sono accusato da questa Corte per tre rapine come presunto membro di Lotta Rivoluzionaria. Sono anche accusato, in altri dossier accusatori, per la rapina a Distomo e per possesso aggravato di armi come membro di un’organizzazione terroristica sconosciuta … Un’organizzazione terroristica sconosciuta che ero presumibilmente in procinto di istituire, o quella su cui le autorità avrebbero fantasticato … Quando sono stato catturato, la polizia anti-terrorismo mi ha accusato di- e ha cercato con vari trucchi di attribuirmi il coinvolgimento- in quattro organizzazioni armate, così come Lotta Rivoluzionaria. Oltre a queste quattro organizzazioni ,si sono permessi un regalo supplementare: Lotta Rivoluzionaria.

Non sarei sorpreso se nei prossimi mesi verrò accusato non solo per le rapine in cui ho partecipato, ma per qualsiasi rapina irrisolti che si è verificato in Grecia nel corso degli ultimi cento anni.

Non mi preoccupa affatto la condanna, e so che la polizia sta chiedendo al vostro tribunale di condannarmi severamente. Per me, non c’è alcuna differenza se sarò condannato per una rapina o tre. Così mi piacerebbe spiegare un paio di cose, non perché voglio ottenere una sentenza minore, ma testimoniare ufficialmente la verità.

Ho iniziato a rapinare banche nel 2002, ma non perché mi piaceva una vita facile. Inoltre, questo tipo di vita è tutt’altro che facile. Istintivamente mi sono posto contro questa macchina disumana che si nutre di esseri umani. Trovo questo sistema ingiusto, un sistema che supporta le banche ed è supportato da loro. Lo considero violento e ladro. Ladri e terroristi sono le banche. I criminali sono quelli che li sostengono. La mia decisione di rapinare banche è stato il mio modo solitario di combatterli.

Non mi sono mai organizzato in maniera politica, e il mio contatto con l’ambiente anarchico era ed è quello dei rapporti personali e amichevoli che ho sviluppato con alcuni combattenti anarchici che ho incontrato in carcere, in particolare dal 2003 al 2006. Io rispetto e apprezzo la loro lotta, il loro altruismo e ethos. Penso che abbiano la giustizia dalla loro parte; però, non ho mai avuto alcuna relazione con qualsiasi gruppo o organizzazione legale o illegale, disarmata o armata. Credo anche che la mia accusa per la partecipazione a Lotta Rivoluzionaria è fatto per scopi mediatici, per offrire alla polizia antiterrorismo un collegamento operativo tra un presunto “trasgressore delle leggi e terroristi”. Io ero l’ideale per questo loro esperimento essendo, da un lato, un rapinatore di banche – un’attività delinquenziale, che ha tuttavia accettazione sociale – al contrario di essere, diciamo, un trafficante di droga; d’altra parte, è noto che ho rapporti personali con alcuni anarchici. Ma i rapporti personali e i gusti sono una cosa interamente diversa rispetto alla partecipazione ad una organizzazione rivoluzionaria.

Per servire i loro scopi di propaganda, la polizia anti-terrorismo vuol farmi pagare con il coinvolgimento di più di due organizzazioni rivoluzionarie, se possibile
.
Non è un caso che il mio nome e la mia fotografia hanno iniziato a caratterizzare le ultime notizie e le prime pagine subito dopo l’arresto di Nikos Maziotis, ritraendomi come il suo braccio destro e altre simili storie grottesche, quando niente in realtà mi collega a lui, e non c’è neppure uno straccio di prova, che può confermare tale scenario.

Non si addice alla mia natura fare dichiarazioni di fronte alla legge. Con orgoglio dichiaro di essere un rapinatore di banche. Se fossi stato coinvolto in Lotta Rivoluzionaria l’avrei dichiarato e difeso così la mia scelta. Ma ho consapevolmente scelto un altro percorso nella mia vita.

La mia vita è di per sé rivoluzionaria per come ho scelto di essere, come l’ ho creata io stesso, attraverso le mie scelte di rimanere fuori dello stile di vita automatizzato.

Inoltre, non ho partecipato a tutte le rapine di cui sono accusato . Anche se avessi voluto, sarebbe praticamente impossibile aver fatto la maggior parte del numero di rapine che – secondo i documenti accusatori – cercano di farmi pagare , in considerazione del fatto che quelle in cui sono stato coinvolto necessitavano diversi mesi di progettazione, al fine di raggiungere il miglior risultato possibile in modo liscio, mettendo sempre la sicurezza dei passanti prima, anche a scapito della mia sicurezza. In ciascuna delle rapine in cui ho preso parte non una sola narice sanguinava, né ho mai avuto bisogno di sparare un solo colpo in aria per intimidire chiunque. Quelle rapine erano sempre pianificate nei dettagli, e abbiamo sempre preso tutte le misure necessarie per evitare di mettere in pericolo qualcuno.

Il dossier accusatorio davanti ai vostri occhi è un grezzo miscuglio di comunicati stampa polizieschi e niente di più. Sui fatti di cui sono accusato in questo processo, ammetto la mia partecipazione alla rapina Eurobank in Akrata [Acaia], anche se le prove che sostenete di avere siano, di fatto, insufficienti se non inesistenti.
Non voglio dare ulteriori informazioni e non risponderò alle vostre domande.
………………………………………………………………………………………………………………………

Fonte actforfreedom
Traduzione crocenera


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

css.php