Una mirada al anarquismo autónomo e insurreccional en la historia de Estados Unidos

image3-resize_2

El anarquismo siempre ha sido un movimiento social compuesto por una gran variedad de perspectivas respecto a organización y estrategia. El anarquismo autónomo e insureccionalista, basado en la responsabilidad individual, la organización informal, la acción directa y la lucha armada, desempeñó un papel crucial en los inicios del movimiento anarquista americano.
Read the rest of this entry »

La Banda di Benevento

th

6 Aprile 1877

Nevesck
«Ai primi dell’Aprile 1877, una trentina di persone, venute non si sa donde, si riuniva tutte le sere in una casa di San Lupo, villaggio perso nelle gole del Beneventano. La notte del 6 Aprile i carabinieri che sorvegliavano la casa furono ricevuti a colpi di fucile e due tra essi rimasero sul terreno gravemente feriti.
 Dopo queste prime avvisaglie la banda, lasciata la casa, si dirige al vicino villaggio di Letino preceduta da un orifiamma rosso e nero. Occupa il palazzo del Comune e ne caccia il Consiglio Municipale a cui rilascia pel debito scarico la seguente dichiarazione: “Noi sottoscritti dichiariamo d’aver preso possesso del Municipio, di Letino a mano armata, in nome della Rivoluzione Sociale”.

Read the rest of this entry »

In concorrenza col boia

index

L’Eretico (Luigi Galleani)
Se della serena forza delle convinzioni, della sicurezza della coscienza, della saldezza del carattere, così degli individui come delle collettività, devesi giudicare nell’ora tempestosa della prova, quando giudizi, atteggiamenti, resistenze sono
 cimentate dal ciclone devastatore delle passioni sfrenate — sparuto pegno della sua forza, del suo carattere, ci dà il movimento sovversivo d’Italia nella gamma svariata che va dal riformismo parlamentare ministeriale al socialismo anarchico, contrito tutto quanto dinnanzi alle minacciose coalizioni della gente per bene, frettoloso di rassicurare il re, Giolitti, la stampa dell’ordine che partecipa esso pure dell’orrore onde Antonio D’Alba ha del suo gesto irriverente percosso tutti i santuari della patria; e con tutta l’anima al giubilo dei te deum salutanti la rinnovata devozione del popolo al re ed alla regina scampati per l’amore e per la grazia di dio al sacrilego attentato.
Ed è intorno ad Antonio D’Alba, il reprobo ventenne, il coro osceno delle abiure tremebonde e delle caine maledizioni con cui dall’italico sovversivismo addomesticato si era nel 1900 ripudiata ogni solidarietà coll’atto di Gaetano Bresci, e con quello di Leone Czolgosz nel 1901; è, dinnanzi alla reazione farneticante, in armi, di utopiche restaurazioni e di rivincite esemplari la stessa casistica alfonsina, lo stesso affanno a distinguere tra i fedeli e gli infedeli delle spaurite confraternite, lo stesso tormentoso rovello a separare le responsabilità di chi opera da quelle di coloro che anche di pensare hanno paura, lo stesso impudico acrobatismo a cercar l’alibi decente nell’infamia della vittima rinnegata.

Read the rest of this entry »

«Il solo re buono…»

Cronaca

Gli Anarchici di Lynn (Massachusetts)
Ricordate? A Monza, a due passi da Milano che Umberto I aveva abbandonato nel Maggio 1898, come città di conquista, ai cosacchi di Bava Beccaris, il 29 Luglio 1900 intorno al sovrano che ogni atto del suo regno e gli avvolgimenti biechi della sua politica aveva diretto a cancellare tradizioni, conquiste e speranze della Rivoluzione Italiana, pretoriani e cenciosi riaffermavano tra il garrir degli inni cortigiani l’inscindibile fortuna del re e del popolo, la comune ansiosa sollecitudine pel bene inseparabile del re e della patria.

Read the rest of this entry »

Workers’ Organizations

Duszniki-Bad-Reinerz-1925-_000112

Luigi Galleani (1925)

The anarchist movement and the labor movement follow two parallel lines, and it has been geometrically proven that parallel lines never meet.

And since our good burghers, even those who pretend philanthropy redeems usury, will never stop being exploiters or give back what they have unjustly taken; the anarchists, including those who abhor violence and bloodshed, are compelled to conclude that the expropriation of the ruling class will have to be accomplished by the violent social revolution. And they dedicate themselves to this, seeking to prepare the proletariat with every means of education, propaganda and action at their disposal.

Read the rest of this entry »

Capolavoro precursore

cronaca-masthead1905-genn

Luigi Galleani
I giorni dell’esilio
Ernest Coeurderoy
Edizioni Anarchismo, Trieste, 2013

Read the rest of this entry »

Banditi ed eroi

mmp_hist_streetfight

«I banditi mi sono simpatici; essi sono i veri rivoluzionari in azione», scrive Emilio Zola. Nessuno di questi facinorosi terribili, i cui nomi avvolti nelle più truci leggende sono accompagnati alle generazioni future con gli epiteti più vituperevoli e con una nota d’infamia, nacque delinquente. Anche essi gustarono le carezze materne, anche essi appresero dalle labbra materne a balbettare il dolce nome del padre, ed ai sorrisi risposero coi sorrisi, nell’incoscienza della gaiezza infantile, ignari della sorte ingrata a loro riservata dal destino, ignari delle cause che un giorno dovevano gettarli nei vortici del delitto. I giudici preoccupati di applicare severamente gli articoli del codice non vedevano davanti ai loro occhi che degli uomini truci, crudeli, che s’erano resi colpevoli di atti antisociali, furti, grassazioni, omicidi, ricatti, ed in nome della società offesa adempivano ad un dovere di coscienza, mandandoli al patibolo e nelle gelide mura degli ergastoli. Gli antropologi non scendevano nell’abisso profondo di quegli uomini, scavato dagli eventi, per scandagliare i dolori di quelle anime in pena. Erano malfattori, briganti, che urgeva sopprimere.
Read the rest of this entry »

La Salute è in Voi!

la_salute_e_in_voi

Luigi Galleani y los anarquistas de acción en Estados Unidos.

Hace tiempo que queríamos hacer este texto. Creemos que es importante tener presente a este anarquista tan influyente en un momento, tan perdido por lo menos en algunas regiones y tan olvidado por la historia oficial. Olvido en parte compartido también, además, por movimientos muy preocupados por el “buenísmo” de sus integrantes frente a “la gente” a quienes hay que caerles bien. Y no se le cae bien al parecer a “la gente” mostrando la realidad si fue de lucha real, sino por el contrario al parecer hay que dar lástima.
Read the rest of this entry »

Il martirio della bontà

1905

Luigi Galleani
La bontà non si è fino ad oggi acclimatata nella nostra società rimasta per tre quarti selvaggia; v’è poco posto per essa tra la ferocia generale. L’uomo buono, l’uomo che comprende e perdona, l’uomo di cuore è un martire fra la turba dei cannibali raffinati che costituiscono la specie umana.
Read the rest of this entry »

Luigi Galleani: Una Remembranza de Elisée Reclus (1906)

elisee-reclus

Recuerdo una polvorienta tarde de Agosto. La agobiante y sofocante atmósfera yacía densa sobre el inmóvil lago, relumbrante como una hoja inmensa de acero pulido. Yacía densa sobre las agotadas vides de la colina, invadiendo incluso la penumbra del amplio estudio donde opuestos uno al otro, trabajábamos en unas estadísticas que nos dieron relativas a la República de Guatemala.
Read the rest of this entry »