Los anarquistas, las fiestas y el carnaval – Ignotus

Unión Zenteno Futbol Club durante los carnavales - Zig Zag Nº321, 15-IV-1911

(Unión Zenteno Fútbol Club en los carnavales antofagastinos de 1911.
Revista Zig-Zag Nº321 -17/04/1911 – Archivo Grupo Pampa Negra)
Read the rest of this entry »

Emma Goldman: Mary Wollstonecraft, su trágica vida y su lucha por la libertad (1911)

mary-wollstonecraf_1981423b

Los pioneros del progreso humano son como las gaviotas, observan nuevas costas, nuevas esferas de pensamiento temerario, mientras sus compañeras de viaje ven solo el interminable trecho de agua. Envían alegres saludos a las tierras distantes. Una fe intensa, anhelosa, ardiente, penetra en las nubes de la duda, porque los agudos oídos de los precursores de la vida disciernen desde el enloquecedor rugido de las olas el nuevo mensaje, el nuevo símbolo para la humanidad.
Read the rest of this entry »

«Il solo re buono…»

Cronaca

Gli Anarchici di Lynn (Massachusetts)
Ricordate? A Monza, a due passi da Milano che Umberto I aveva abbandonato nel Maggio 1898, come città di conquista, ai cosacchi di Bava Beccaris, il 29 Luglio 1900 intorno al sovrano che ogni atto del suo regno e gli avvolgimenti biechi della sua politica aveva diretto a cancellare tradizioni, conquiste e speranze della Rivoluzione Italiana, pretoriani e cenciosi riaffermavano tra il garrir degli inni cortigiani l’inscindibile fortuna del re e del popolo, la comune ansiosa sollecitudine pel bene inseparabile del re e della patria.

Read the rest of this entry »

Construcción simbólica y ritualística a raíz de la Matanza de Santa María de Iquique

tarde21dic

Entre fines del siglo XIX y principios del XX, un segmento del mundo popular terminaría de configurar su experiencia social y su concepción de sí mismo (es decir, su identidad colectiva) en términos sustancialmente diferentes a los que había prevalecido en el pasado: ya no como peones, “rotos” o campesinos, sino como integrantes de una emergente clase obrera(1). Y evidentemente, para el éxito de dicho proceso, sería de especial relevancia la utilización del aparataje simbólico y ritualístico por parte de las distintas tendencias y proyectos que se disputaban el mundo obrero: demócratas, socialistas, anarquistas. (2)
Read the rest of this entry »

Citizen of the World

Horace_Vernet-Barricade_rue_Soufflot

Ernest Coeurderoy – Citizen of the World

One selection I really regret not including in Volume One of Anarchism: A Documentary History of Libertarian Ideas is the following piece by Ernest Cœurderoy (1825-1862), excerpted from his Jours d’exil (Paris: P.-V. Stock, 1910-11, originally published 1854-55) and translated by Paul Sharkey. Coeurderoy is perhaps best known for his Hurrah!!! Ou La Révolution par les Cosaques (London, 1854; republished by Editions Plasma, Paris, 1977), in which he envisioned a Cossack invasion of France to sweep away all vestiges of authority, with a libertarian socialist society emerging from the ruins.
Read the rest of this entry »

NAFTALINA

naf1

Naftalina non è una rivista d’arte, bensì, parte di una idea in continuo movimento.

Numero primo
L’assiette au beurre (1901-1912)

La più feroce e irriverente rivista della Belle Epoque.
L’assiette au Buerre, letteralmente “piatto di burro”, compare in Francia nell’aprile 1901.
Senza alcun dubbio occupa un posto di primissimo piano fra le riviste dell’epoca.
Innovativa da un punto di vista grafico, spregiudicata per il suo contenuto.
Attraverso bellissimi disegni e una satira devastante, ha ridicolizzato e attaccato l’ipocrisia del periodo.
Con questo primo numero di Naftalina, abbiamo cercato di riproporre un progetto editoriale ed artistico a nostro avviso molto interessante. Non volevamo riesumare cadaveri, ma rispolverare qualcosa che altrimenti sarebbe andato perduto, utilizzato la documentazione in nostro possesso.

Scarica l’archivio delle immagini

Capolavoro precursore

cronaca-masthead1905-genn

Luigi Galleani
I giorni dell’esilio
Ernest Coeurderoy
Edizioni Anarchismo, Trieste, 2013

Read the rest of this entry »

Perché ho rapinato di Octave Garnier (Banda Bonnot)

octave-garnier

Perché ho rapinato.
Perché ho ucciso.
Ogni essere che viene al mondo ha diritto alla vita, questo è indiscutibile perché è una legge di natura.
Read the rest of this entry »

Written-in-Red (en/fr)

1910-BuickF-Eickstaedt-b

(To Our Living Dead in Mexico’s Struggle)

Written in red their protest stands,
For the gods of the World to see;
On the dooming wall their bodiless hands
have blazoned “Upharsin,” and flaring brands
Illumine the message: “Seize the lands!
Open the prisons and make men free!”
Flame out the living words of the dead
Read the rest of this entry »

NAFTALINA. (numero primo, ottobre 2008)

naf1

Naftalina non è una rivista d’arte, bensì, parte di una idea in continuo movimento.

Numero primo
L’assiette au beurre (1901-1912)

La più feroce e irriverente rivista della Belle Epoque.
L’assiette au Buerre, letteralmente “piatto di burro”, compare in Francia nell’aprile 1901.
Senza alcun dubbio occupa un posto di primissimo piano fra le riviste dell’epoca.
Innovativa da un punto di vista grafico, spregiudicata per il suo contenuto.
Attraverso bellissimi disegni e una satira devastante, ha ridicolizzato e attaccato l’ipocrisia del periodo.
Con questo primo numero di Naftalina, abbiamo cercato di riproporre un progetto editoriale ed artistico a nostro avviso molto interessante. Non volevamo riesumare cadaveri, ma rispolverare qualcosa che altrimenti sarebbe andato perduto, utilizzato la documentazione in nostro possesso.

Scarica l’archivio delle immagini

css.php